100 VOLTE NIMEGA

IL MOMENTO PERFETTO PER VISITARE UNA DELLE PIÙ BELLE CITTÀ OLANDESI, FAMOSA PER LA PROPRIA OSPITALITÀ, LAM PASSIONE PER LO SPORT E L’AMORE PER LE SUE PROFONDE RADICI, CON UN OCCHIO ATTENTO VERSO IL FUTURO 47787799Nimega festeggia i suoi primi 100 anni. Come è possibile che la città più antica dei Paesi Bassi, l’antico accampamento romano sul limes sia tanto ringiovanita? Non stiamo parlando della città più popolosa della Geldria ma di uno degli eventi ai quali la città sembra più affezionata: de 4 daagse. Una vera maratona che nella sua versione più lunga raggiunge i 200 chilometri di lunghezza rigidamente divisi in 4 giornate di cammino. Nata nel 1909 (sono state saltate le edizioni delle due guerre) come allenamento per i militari di leva dopo qualche anno si è trasformata in uno degli eventi popolari più sentiti dal paese grazie anche alla storica edizione organizzata alla fine della seconda Guerra Mondiale dove la popolazione invece i militari e si vanno ad aggiungere all’enorme massa dei partecipanti. “Ogni anno abbiamo un’affluenza di circa 47.000 partecipanti” afferma Andrè Sonneville, portavoce della Fondazione che organizza il mega evento “perchè questo è il numero massimo che possiamo ospitare, e ogni anno dobbiamo fare un sorteggio perchè il numero delle iscrizione è sempre maggiore”.

47.000 partecipanti quindi di cui un 30% di debuttanti e il resto di veterani, ai percorsi di 30, 40 e 50 km giornalieri in base al sesso e l’età, si è aggiunto quest’anno uno di 55 km per ricordare l’originario fatto allora dai soli militari. Ogni giorno partenze tra le 4 e le 7 del mattino e l’obbligo di arrivare prima delle 17, se no sei fuori per il resto dell’evento.

251501

L’arrivo? Un tripudio di colori ed affetto incondizionato e, nell’edizione di quest’anno, anche il saluto del sovrano in persona. Nijmegen città dello sport ha comunque molte altre frecce al proprio arco. Città più antica dei Paesi Bassi nasce come insediamento romano in un’ansa del fiume Waal a pochi chilometri dall’attuale confine con la Germania. Il legame con il fiume continua nei secoli e colui che ha fatto grande la città con la sua strada d’acqua ricca di commerci si trasforma ogni tanto nella causa di grossi problemi a causa delle inondazioni. Il problema è stato risolto nel marzo scorso quando è stato ultimato uno dei progetti più ambiziosi degli ingegneri idraulici. La curva del fiume è stata infatti “raddrizzata” creando così un’isola in mezzo al fiume. Luogo ideale di ricreazione, quando l’acqua non è eccessiva si trasforma un lago perfetto per trasformare la città in un luogo di balneazione.

nijmegen-grote-markt_Slide%20home%20desktopCitta dello sport, città dal futuro ben pianificato e città dalla profonde radici, Nimega conserva gelosamente la sua lunga storia che la vede protagonista assolutamente fino al 16esimo secolo nel campo economico ma anche in quello culturale e artistico da vedere assolutamente la Cappella di San Nicola, la Chiesa di Santo Stefano, l’Hunnerpark, il Kerkboog, Grote Markt, l’Antico Municipio e il Museo De Valkenhof, ma basti anche solo pensare al codice miniato dei trecenteschi fratelli Limburg trovato qualche tempo fa in una raccolta privata italiana e appartenente ai più famosi amanuensi medievali della zona.

summercapitalnijmegen-1000x600Per questa estate Nimega offre ai propri visitatori un interessante programma, sotto il nome di Summer Capital una serie di eventi per vari target impegnerà chiunque ad utilizzare in maniera ottimale il proprio tempo libero. www.summercapital.nl Una parte delle feste programmate è proprio quella per la chiusura della Marcia. Durante una settimana 2.750 artisti in 37 palcoscenici sparsi per la città attirano quasi due milioni  e mezzo di persone

DOVE MANGIARE

De Portier Combinazione ottimale di ambiente giovane e moderno e cibo tradizionale. www.portier-nijmegen.nl

Belvédère. Buona qualità in una perfetta location con vista sulla città e sul fiume Waal. www.belvederenijmegen.nl

Holland Casino Nijmegen. Non solo roulette e slotmachine, al Casinò ufficiale di Nimega c’è un raffinato ristorante con cucina internazionale. www.hollandcasino.nl/Nijmegen

De Hemel. La location è perfetta, nella sede della Commaderie di St Jan, uno dei più antichi edifici della città, con un delizioso giardino mediterraneo, de hemel non è solo ristorante ma anche birrificio artigianale e delizioso piccolo museo della birra. www.restaurantdehemel.nl www.brouwerijdehemel.nl

mooiste-terras-nijmegenDOVE DORMIRE

Fletcher hotel. È la catena con più veloce crescita nel paese, non a caso la personalità decisa di questi hotel fa la differenza. Questo 4 stelle a Doorwerth alle porte di Nimega offre la vicinanza alla città ma anche ettari di parco e bosco ed una stupenda piscina all’aperto. www.hoteldoorwerth.nl

COSA FARE

Volete vedere in maniera accurata la città? La maniera migliore è affittare uno scooter elettrico che silenziosamente vi porterà in tutti gli angoli segreti di Nimega. www.veluwescooter.nl

Vierdaagse vanuit de luchtPreferite una visione “dall’alto”? Perchè non noleggiare un elicottero? L’idea divertente e molto meno dispendiosa di quello che si possa pensare vi permetterà di vedere non solo la città ma una delle più interessanti regioni paesaggistiche del paese. www.helivliegen.nl

Per maggiori informazioni sulla città consultate il sito dell’ente regionale del turismo www.arnhemnijmegenregion.com

Per maggiori sull’evento sportivo www.4daagse.nl

Per la programmazione estiva della città di Nimega www.summercapital.nl

 

TAGS

BERLINO PER FASHIONISTE

Il Kurfürstendamm, l’elegante Friedrichstraße e le originali boutique intorno all’Hackeschen Höfe sono il paradiso dello shopping. Berlino detta le tendenze della musica, dell’arte e dello stile di vita. Ispirati dalla sua straordinaria creatività, sempre più artisti si trasferiscono a Berlino da ogni parte de globo e rendono la metropoli uno dei luoghi più vivaci d’Europa.

7af5dabb22f50808af870cee26531000 PMETROPOLI DINAMICA

L’evoluzione costante è ciò che contraddistingue questa metropoli viva e piena di energia. Ma Berlino è anche una città tranquilla con molti spazi verdi dove poter respirare un po’. Berlino è la città più verde d’Europa con i suoi estesi parchi, boschi e laghi. Questa atmosfera rilassata si respira in tutta la città. In estate la vita a Berlino si svolge principalmente all’esterno: nei bar, nei cinema e nei teatri all’aperto nei quali si può godere della luce del sole e il tepore delle serate estive.

kadewe 2 PKaDeWe: Non si può non citare naturalmente la KaDeWe, la regina dello shopping berlinese e il più grande departement store dell’Europa continentale, sta subendo una radicale metamorfosi architettonica da parte dell’archistar Rem Koolhaas ma di questi lavori in corso non ce se ne accorge nemmeno presi dall’abbondanza e dalla qualità dei prodotti. www.kadewe.de

kudamm_960x496_c_scholvien_1 PAlexa: amatissimo dalla fshionista questo centro commerciale comprende 180 negozi distribuiti su 5 piani più grande food hall. www.alexacentre.com

KudammPeople PEuropa Center: La shopping mall sulla Ku’damm offre un largo assortimento in 70 negozi. Da vedere l’ingegnoso orologio ad acqua disegnato da Bernard Gitton nel 1982. www.europa-center-berlin.de

bikini_1998173379 PBikini Berlin: Adoriamo questa straordinaria piazza urbana con l’idea indovinata dello spazio ad uso misto e spettacolare vista su il Tiergarten. www.bikiniberlin.de

 

Per saperne di più e farsi ispirare in uno dei vostri prossimi viaggi potete consultare il sito www.germany.travel

Per ulteriori informazioni, l’acquisto di biglietti e prenotazioni di hotel potete anche visitare www.visitberlin.de

 

 

TAGS

BERLINO: CAPITALE DELL’ARTE

Berlino , la capitale tedesca, conquista con la molteplicità di cose da vedere, la ricca vita culturale e uno stile di vita vivace e al tempo stesso rilassato.

sightseeing_east_side_gallerySTREET ART

Atelier della Germania, città di tendenza, capitale della moda, centro del design, metropoli musicale: l’atmosfera di rinascita della città riunita era qualcosa di straordinario. E lo è ancora oggi. Centinaia di laboratori e negozi si sono risvegliati nei cortili dei palazzi, l’arte ha conquistato le strade, i muri, interi quartieri. E naturalmente i resti del muro, ovvero l’East Side Gallery che si estende dal ponte Oberbaumbrücke alla stazione ferroviaria Ostbahnhof e che si è trasformata in un dizionario illustrato dell’arte di strada. Oggi sono i quartieri Kreuzberg, Prenzlauer Berg, Neukölln e Wedding l’indirizzo più ambito da oltre 20.000 artisti: con il loro lavoro influenzano l’atmosfera e l’ambiente, trasformando la città in un centro culturale sia per gli artisti alternativi che per quelli già affermati.

20130503134045.jpg_max PCITTÀ DA VIVERE

Immergetevi in questo mondo e lasciatevi ispirare, conquistare ed entusiasmare. E non dimenticate di conoscere i berlinesi: oltre alle numerose attrazioni della capitale, rappresentano forse il motivo più valido per visitare questa straordinaria città. E per farvi più volte ritorno. Sono proprio i contrasti tra l’architettura storica e quella contemporanea, tra tradizione e modernità a caratterizzare la città. Berlino è la città dell’arte, degli artisti e dei musei. Più di 170 musei, tra cui la famosissima Isola dei musei, espongono i tesori del mondo. Una grande orchestra, la Filarmonica di Berlino acclamata in tutto il mondo, e tre grandi teatri dell’Opera con le loro rappresentazioni di opere e balletti fanno di Berlino l’Eldorado degli amanti della musica classica di tutto il mondo. Altri innumerevoli teatri, varietà e cabaret offrono intrattenimento di ogni tipo.

Berlin_Mitte_Altes_Museum PMUSEI

Altes Museum: la collezione berlinese delle antichità classiche in un meraviglioso edificio in stile neoclassico, un must. www.smb.museum.

Alte Nationalgalerie: Per gli amanti dell’arte del 19esimo secolo, questo è il museo ideale. www.smb.museum

Martin-Gropius-Bau: spazio per arte e fotografia ed importante esempio dell’architettura dell’inizio del 20esimo secolo. www.stadtmuseum.demuseum-berlin-gebaeude_header P

GALLERIE

Akademie der Kunste Hanseatenweg: Un accademia che affonda le proprie radici nel lontano 1696 e che ospita archivi interdisciplinari del 20esimo secolo: mix riuscito. www.adk.de

Berlinische Galerie: oltre 5000 pezzi di arte moderna provenienti dalla Germania e dall’est europeo. www.berlinischegalerie.de

Hamburger Bahnhof: La permanente include anche lavori provenienti dalla collezione Flick: video, musica e design. www.hamburgerbahnhof.de

berlinische-galerie-2(p_activity,2521)(c_0) PPer saperne di più e farsi ispirare in uno dei vostri prossimi viaggi potete consultare il sito www.germany.travel

Per ulteriori informazioni, l’acquisto di biglietti e prenotazioni di hotel potete anche visitare www.visitberlin.de

 

 

 

 

 

TAGS

BERLINO SOSTENIBILE E GLAMOUR

casa-sostenibile-berlino-eChe cosa fa di Berlino una metropoli così speciale? Forgiata dagli stessi abitanti che hanno contribuito fortemente a creare un’atmosfera di grande equilibrio la capitale riesce a fondere arte, cultura, modernità glamour e responsabilità ambientale.

supemercato-berlino-sostenibile-w

SHOPPING SOSTENIBILE

Il tema della sostenibilità non viene mai dimenticato anche nei piccoli grandi dettagli: basti pensare a OU l’Original Unverpackt il supermercato cittadino senza imballaggi che, a poco più di un anno dalla sua apertura, conta già  520 prodotti. I clienti arrivano con borse e contenitori che riempiono personalmente abbattendo così i costi dell’imballaggio. Con oltre 120 clienti giornalieri il vantaggio economico del supermercato ‘sfuso’ è evidente.

einsunternull_0617_03_Interior PSTORIA E ATTUALITÀ

Le tragedie del XX secolo, hanno fatto di Berlino una città forte che non ha paura di essere punto di incontro e fusione di tante diverse culture: chi pensa alla città pensa in primo luogo alla porta di Brandeburgo, l’edificio più famoso della capitale. Per decenni è stato simbolo di divisione ma ora è diventato il cuore di una metropoli sempre spumeggiante, fonte inesauribile di idee e impulsi, arte, cultura e creatività. Il Kurfürstendamm, l’elegante viale metropolitano per antonomasia, i grandi magazzini Kaufhaus des Westens, meglio conosciuti come KaDeWe, le boutique di tendenza e le gallerie raffinate sono il volto dei quartieri occidentali di Berlino, insieme agli splendidi quartieri residenziali e naturalmente la celeberrima vita notturna. Per definirsi perfetta, una serata a Berlino prevede una visita al Friedrichstadt-Palast, il teatro di varietà più grande della Germania, che con SHOW ME presenta lo spettacolo più costoso e brillante di tutti i tempi: glamour allo stato puro, un’esplosione di luci, colori, costumi ed effetti speciali. Un’atmosfera cosmopolita si respira senza dubbio anche nel quartiere governativo, che si estende verso est partendo dalla porta di Brandeburgo e dal vicino Reichstag.

Turismo-Sostenibile-a-BerlinoPASSEGGIARE IN CITTÀ

Assolutamente da fare è una passeggiata nel sontuoso viale berlinese Unter den Linden che si snoda verso l’Alexanderplatz, passando accanto all’isola dei musei, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, fino al Duomo di Berlino, alla stazione di guardia Neue Wache e all’edificio barocco Zeughaus, che oggi ospita il museo storico tedesco. Proseguendo si giunge quindi alla torre della televisione, ad oggi l’edificio più alto della Germania. La torre offre un panorama mozzafiato su Berlino e la regione del Brandeburgo: una delle tappe obbligatorie durante qualsiasi soggiorno nella capitale tedesca. Poco lontano sorge la Gendarmenmarkt, conosciuta come la piazza più bella della capitale. Per chi vuole scoprire la rilassatezza della città c’è l’Hackesche Höfe, il complesso indipendente di edifici con cortile più grande della Germania e dal 1977 tutelato come patrimonio culturale che si trova nel quartiere Berlino-Mitte. Qui è possibile rivivere la Berlino dei tempi passati: è il risultato della vivace mescolanza di gallerie d’arte, cinema, teatri e varietà, locali, ristoranti e bar, piccoli negozi e punti vendita di grandi catene. Qui si respira anche lo spirito creativo di Berlino, che oggi, a quasi 25 anni dalla caduta del muro, sembra essere più vivo che nelle altre metropoli del mondo.

einsunternull_0864_01_AndreasRieger PINDIRIZZI UTILI

RISTORANTI:

www.einsunternull.com

Einsunternull ristorante che ha coniugare la passione per il local al gusto in una location super trendy

http://www.restaurant-horvath.de/en

Horvath ristorante con 2 stelle Michelin stars, con prodotti regionali, favoloso a Paul-Lincke-Ufer

PER UNA MODA SOSTENIBILE E TRENDY:

www.moeon.de

www.wesen-berlin.com

COSMETICI BIO, TRATTAMENTI CON PRODOTTI ORGANICI E SPA ECOSOSTENIBILE:

www.wheadon.de

www.undgretel.com

03_Atrium_LobbyHOTEL ECO E GLAMOUR:

www.marriott.com

Un hotel centralissimo con caffè glamour di design e ospitalità DOC

www.almodovarhotel.de/en

Con wellness, sauna e spa: da provare!

Per saperne di più e farsi ispirare in uno dei vostri prossimi viaggi potete consultare il sito www.germany.travel

Per ulteriori informazioni, l’acquisto di biglietti e prenotazioni di hotel potete anche visitare www.visitberlin.de

TAGS

GLAMOUR COSMOPOLITA A BERLINO

catwalk_bar_1_Foto Matthias HamelTHE BERLIN MARRIOTT HOTEL sulla Potsdamer Platz riflette perfettamente la città in cui si trova glamour e cosmopolita proprio come Berlino!

catwalk_bar_terrace_Foto Matthias Hamel PProprio nel cuore della città, l’hotel è un connubio di architettura contemporanea e perfetto servizio. Una sensazione di caldo benvenuto e lusso glamour aspetta infatti il viaggiatore in una delle sue 379 camere (minimo 30 mq!) o suite riuscendo a unire le due vocazioni di business e leisure traveller location.

MH_BERMC_midtown_grill_1_hamel PLa novità di oggi è il primo fashion bar della città: il CATWALK del designer Michael Michalsky provvede delizie a due passi dalla Porta di Brandeburgo e si va ad aggiungere all’American steak restaurant Midtown Grill dello Chef Thomas Czerwionke che già faceva parte dell’offerta gastronomica dell’hotel.

pool PUn design contemporaneo, molto legno e forme armoniose traducono in architettura il senso di accoglienza del Berlin Marriott Hotel e ogni stanza ha le pareti decorate con vedute della città: un suggerimento in più e una fonte di ispirazione per andare a scoprire i tesori della capitale tedesca.

exec_lounge PMobile Check In, No Lines

Per risparmiare le file il Berlin Marriott si è presto convertito alla tecnologia più avanzata, grazie ad un’app gratuita per tutti i Marriott Rewards Members è possibile fare il check in on line mentre dopo il check out la fattura arriverà per mail. Alla praticità si unisce il relax: vastissima area SPA con ampia piscina offrono un serbatoio di energia, da utilizzare per visitare a fondo la città.

www.MarriottHotels.com, su Facebook (facebook.com/Marriott) e su Twitter (Twitter.com/Marriott, @Marriott)

Siete in procinto di recarvi a Berlino? Allora potete consultare il sito www.germany.travel e www.visitberlin.de

 

TAGS

W IL W HOTEL

Direttamente da New York nella capitale olandese: a grande richiesta il concetto vincente del W Hotel sbarca ad Amsterdam: dopo 15 anni di storia nella metropoli americana e con la previsione di raggiungere nel 2018 il numero di 80 hotel sparsi per il mondo, l’iconica catena ha voluto creare un ambiente ad hoc dedicato all’ospitalità, anche in Europa.

w-hotel-amsterdam-wet-deck-pool-01_oggetto_editoriale_h495

DESIGN ICONICO

Il design è sicuramente l’elemento principale di questo iconico progetto di Office WINHOV e Baranowitz Kronenberg Architects, di cui Irene Kronenberg – uruguaiana stabilitasi a Tel Aviv ha curato anche gli interni: “Per me si è trattato di un progetto interessante sia dal punto di vista architettonico, che da quello urbanistico legato alla città. Amsterdam è il luogo delle relazioni, una comunità in grado di unire anche ciò che è differente”. Questo il mood del progetto che ha tenuto conto delle peculiarità dei due edifici ognuno con un passato degno di nota: il primo dall’Architettura Modernista e dirimpettaio al Palazzo Reale era la sede della Centrale telefonica, il secondo, che ospitava una banca, mostra ancora tanti dettagli dell’epoca ed uno stile che ricorda a volta quello della Scuola di Amsterdam, di cui si celebra, quest’anno, il primo centenario.

w-hotel-amsterdam-interni-albergo-03_oggetto_editoriale_h495Al primo che ospita 172 camere ed è caratterizzato da tante citazione di design inerenti alla vecchia sede, sono state aggiunte le 66 stanze del secondo. Entrambi gli edifici presentano un ristorante (Mr. Porter e Duchesse) mentre al pian terreno, nel vecchio caveau bancario, troviamo una City Spa, alcune sale da adibire ad iniziative culturali e galleria d’arte contemporanea. Conclude questo concetto di city experience l’X-BANK – 700 mq per lo shopping d’eccellenza in fatto di design, food, bellezza, moda tutto Made in Holland.

DOPPIA LOCATION E MONOPISCINA SUL TETTO

La sfida della doppia location, è vista da Igor Buercher – General Manager dell’hotel -, come un elemento essenziale: «Il W Hotel – che prevede 238 camere di cui 21 suite -, vuole offrire un’esperienza unica di interazione con la città e con i suoi abitanti». Non vivere Amsterdam da turisti ma da olandesi. Per questo i servizi dedicati sono molteplici e vanno dal Whatever/Whenever® Service alla galleria d’arte, dalla possibilità di un comodo shopping all’esclusiva Spa, oltre che al food consumabile in un luogo frequentato dai locals in una posizione unica a due passi dal Palazzo Reale. Il W è un up-side-down hotel con un segno caratteristico: il Wet Deck®, la prima roofpool cittadina. Una piscina riscaldata sul tetto dell’edificio della lunghezza di 22 metri perfetta location per sorseggiare un drink guardando lo skyline circostante.

 w-hotel-amsterdam-interno-camera-08_oggetto_editoriale_h495www.wamsterdam.com

TAGS

X BANK: IL MADE IN HOLLAND DI ECCELLENZA

09.XBANK_DAY1_ILSOO_VAN_DIJK_000420160225Ad Amsterdam un hybrid store di 700 m2 presenta la più grande collezione al mondo correlata con il made in Holland. Design, moda, arte, bellezza, food: qui è tutto permesso a patto che sia di eccellente qualità. L’X-Bank è in pieno centro città a due da piazza Dam e dirimpettaio del Palazzo Reale e occupa due piani dell’iconico palazzo dell’ex Kas Bank ora sede del W Hotel. Su due piano: a livello della strada la galleria d’arte contemporanea e fotografia oltre ad una city Spa, e al primo piano tantissimi oggetti di design (da Marcel Wanders a Thomas Eurlings, da Dirk vander Kooij a Lizan Freijsen), moda (da Viktor & Rolf, ad Aziz Bekkaoui, fino a Bas Costers), gioielli e tessile d’arredo (Gem Kingdom e Fransje Killaars) e food di nicchia.

12.XBANK_DAY1_ILSOO_VAN_DIJK_004320160224

NON SOLO DESIGN

X BANK presenta 180 label di giovani talenti e famosissimi designer ad un pubblico locale e internazionale in un edificio progettato dallo studio di architetti Office Winhov con interni di Baranowitz Kronenberg Architecture che hanno progettato entrambi gli edifici anche quello dirimpettaio che un tempo sede della centrale telefonica ospita ora il primo W Hotel fuori dagli Stati Uniti. X BANK e W Hotel sono strettamente legati e non solo dal punto di vista logistico e architettonico: il concetto vede in questo mix di shopping e cultura il luogo ideale per un contatto tra i local e i clienti dell’hotel: sentirsi parte di una community di viaggiatori curiosi e impegnati.

14.XBANK_DAY1_ILSOO_VAN_DIJK_013620160225

OSPITALITÀ MADE IN HOLLAND

Pianificazione verticale degli eventi è il codice organizzativo che organizza una serie di appuntamenti: il primo è la mostra POTLUCK 1 nello spazio dedicato all’arte. Un collettivo di sei artisti in collaborazione con Juliette Jongma, Stigter van Doesburg e Martin van Zomeren che esporranno sul tema concetti astratti e nuovo materialismo.

15.XBANK2

X BANK organizzerà tutto l’anno eventi e mostre aperte a tutti.

X BANK

Spuistraat 172

Amsterdam

www.xbank.amsterdam

Foto: Ilsoo van Dijk

 

TAGS

GHOSTZIP: ELEGANZA INNOVATIVA

LA LINEA DI BORSE E ACCESSORI GHOSTZIP HA SAPIENTEMENTE MESCOLATO CREATIVITÀ, ELEGANZA E INNOVAZIONE. IL COLLANTE: UN MADE IN ITALY ETICO LEGATO AL TERRITORIO

IMG_4560Ho incontrato Paolo Gorni a Utrecht durante la LENTEBEURS la più grande e prestigiosa fiera di moda e lifestyle dei Paesi Bassi. Era intento a trasformare, a tempo di record, un gomitolo informe di zip in una borsa fashion. Come in un gioco di prestigio era quasi impossibile seguire i rapidi movimenti delle sue mani ma il risultato era ben visibile davanti a me: una borsa dal modello stylish e dai colori eleganti era stata creata in pochi secondi. Quando mi sono avvicinata incuriosita ho potuto ascoltare un racconto altrettanto affascinante: una storia di passione, intuizione e forza imprenditoriale tipica del made in Italy.

LA STORIA

Paolo è appunto uno dei soci fondatori della GhostZip e dalle sue parole semplici e convincenti emerge la storia di questa scommessa, di come dalla prima intuizione, creare una borsetta cucendo insieme varie chiusure lampo, siano arrivati alla creazione finale attraverso un necessario apprendistato artigianale. Nata nel 2008, GhostZip, ha lanciato sul mercato idee fresche e creative, connotate da due fattori unici: l’elevato valore artigianale dei propri prodotti e la presenza dell’originale ed estrosa chiusura lampo. Il tutto è valorizzato dalla lavorazione completamente “made in Italy”. L’idea che sta alla base del successo dei prodotti GhostZip è rappresentata dall’aver trasformato l’essenza della zip cambiandone il comune utilizzo e trasformandola in accessori pratici, utili e alla moda. Che possono soddisfare tutte le età grazie alle varie linee: dagli astucci e portamonete per concludere con borse elegantissime o estremamente elaborate.

6Q5F0857-hot

SORPRENDENTE!

E poi c’è un elemento importantissimo da non dimenticare: l’effetto sorpresa! La borsa GhostZip infatti è in grado di stupire chi la vede per la prima volta (poiché è difficile immaginare sia possibile creare una borsa in pochi secondi partendo da un lungo nastro di lampo) ma continua a sorprendere anche chi già la conosce finché la zip non è stata completamente allacciata non è assolutamente possibile indovinare il modello che ne scaturirà. Questo lo rende un’ottima idea regalo … ecco perché una GhostZip va sempre regalata “slacciata”. Leggerissima ma estremamente robusta (perfetta per viaggiare e sostiene un peso di 30 kg) la borsa debutta a dicembre 2007 in occasione dell’artigiano in fiera di Milano e risulta il prodotto più venduto della manifestazione (circa 2000 pezzi in una sola settimana). Poi durante questi anni l’ufficio stile ha sviluppato con continuità l’estetica del prodotto creando nuove forme e modelli più innovativi con diverse applicazioni come la recente linea di design.

_MG_0348

IL MERCATO EUROPEO

Ad oggi sono stati utilizzati oltre 435.000 metri di zip per produrre le creazioni GhostZip e nel corso degli ultimi anni l’azienda ha consolidato la posizione del marchio concentrandosi inizialmente in Italia (dove è presente in 200 negozi e tre monomarca) ed ora si sta affacciando al mercato europeo dove ha già 30 rivenditori. Forte di numerose operazioni in co-marketing, anche con importanti aziende quali la Ferrari, GhostZip a Pasqua aprirà il primo negozio on-line esterno, per la precisione in Slovacchia www.ghostzip.sk

IMG_4618

PRODUZIONE ETICA E CONSAPEVOLE

La caratteristica più importante del marchio GhostZip è comunque quella di essere sia un esempio di produzione etica sia un modello di acquisto consapevole: tutte le materie prime provengono infatti da aziende italiane e tutta la produzione avviene a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, per mano di ragazze e ragazzi tutti assunti all’interno dell’azienda. GhostZip non dimentica neanche il lato educational grazie al quale collabora con le scuole di moda milanesi (inserendo nella produzione circa 20 stagisti l’anno tra i 16 e i 20 anni di età). Tramite l’azienda questi giovani hanno un primo approccio al mondo del lavoro con la possibilità di essere poi assunti in via definitiva.

IMG_4546 picc

IL VERO MADE IN ITALY

Curiose di vedere dove e come queste GhostZip bag vengono prodotte? Molto semplice: l’azienda che resta legata a territorio e ha rinunciato a delocalizzare, mostra orgogliosa la sua produzione nel proprio laboratorio e show-room aperti al pubblico, a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, dove la lavorazione viene effettuata sotto gli occhi di tutti.

Per la vendita online e gli indirizzi dei rivenditori, potete consultare www.ghostzip.com

Foto:

www.klodjanadervishi.com

www.facebook.com/zuzana.gavulowa

TAGS

OBJECT ROTTERDAM: IL DESIGN OLANDESE IN OPTIMA FORMA

ANCHE QUESTA EDIZIONE DI OBJECT ROTTERDAM È STATA UN SUCCESSO, QUESTO GRAZIE ALLA SUA IDEATRICE E CURATRICE ANNE VAN DER ZWAAG, CUORE PULSANTE DELLA MANIFESTAZIONE

fiera-di-design-rotterdam-object-lampadari-di-de-witte_oggetto_editoriale_h495Rotterdam città del design e dell’architettura avveniristica, ma anche città dell’arte contemporanea, città dei grandi spazi: vivibile e sostenibile. Rotterdam città dal calendario culturale vivace e interessante. Tra le tante iniziative spicca senz’altro Object una delle mostre di design contemporaneo più interessanti a livello nazionale. A cominciare dalla location: quest’anno è stata scelta la SS Rotterdam una nave da crociera in disuso che dopo aver collegato per decenni la città con New York, è diventata da qualche anno un hotel vintage ormeggiato nel porto.

fiera-di-design-rotterdam-object-tappeti_oggetto_editoriale_h495Per raggiungere questa location l’eccezione c’è la piccolo Thalassa la piccolo motonave che con orchestrina jazz intrattiene I propri ospiti durante il corto viaggio.

Cuore e mente di questa fiera è Anne van der Zwaag: ideatrice e curatrice di Object dalla sua prima edizione nel 2011. Lei l’ha volute così: avvicinabile dal grande pubblico e con i designer diretti espositori dei loro prodotti: niente gallerie e niente costosi prezzi di entrata.

E Object riflette la sua creatrice anche per le scelte che si concede, Van der Zwaag: “Scelgo sulla base del mio gusto e della mia esperienza, per tutto l’anno sono impegnata a scegliere il meglio del design olandese da mostrare in questa occasione”.

fiera-di-design-rotterdam-object-sedie-a-stella_oggetto_editoriale_h495Anna si muove a suo agio tra I meandri della stiva e tra I ricchi saloni vintage nella lussuosa nave, fino alla piscina in disuso oggi palcoscenico di istallazioni di collettivi di designer: “ero curiosa di vedere come il design contemporaneo potesse interagire con la personalità spiccata di una location come questa.”

fiera-di-design-rotterdam-object-tavolo-materiale-riciclato_oggetto_editoriale_h495E il risultato è fantastico: tre giorni di Object (tanto a lungo dura la fiera, questa edizione dal 12 al 14 febbraio) hanno significato tre giorni di immersione totale nel meglio del design olandese: dai nomi famosi ai giovani talenti, questo è stato il luogo perfetto per poterli ammirare tutti.

www.objectrotterdam.com

 

 

TAGS

NEW YORK: I 30 ANNI DEGLI UOMINI IN BLU

UNA RAGIONE IN PIÙ PER VISITARE NEW YORK È RAPPRESENTATA DA BROADWAY E DALLA SUA VIVACE SCENA CULTURALE. FESTEGGIARE INSIEME I PRIMI TRENT’ANNI DEGLI UOMINI IN BLU PUÒ RAPPRESENTARE LA DELIZIOSA CILIEGINA SULLA TORTA 

BMP_Hollywoodbowl_940x407_0130 anni ma non li dimostra: il fenomenale Blue Man Group fondato da by Matt Goldman, Phil Stanton e Chris Wink e membro della Broadway Collection festeggia le tre decadi di vita mantenendo intatta la sua verve surreale e ludica. Nei loro entusiasmanti spettacoli, in un’atmosfera dal gusto underground il Blue Man Group mescola musica, commedia ed effetti multimediali che coinvolgono il pubblico in uno spettacolo dai ritmi incalzanti e dalla comicità irresistibile. La produzione iniziò come Off-Broadway l’8 aprile del 1991 nell’Astor Place Theater dove tre misteriosi uomini in blu avvolgevano gli spettatori in un viaggio sensoriale senza però emettere una parola. Questa sorta di extraterrestri sanno oggi come allora, comunicare con il pubblico e i momenti di esaltante musica a percussioni si alternano a scene da vaudeville e spunti di irrefrenabile comicità surreale.

Blue Man Group National Tour Credit photo: ©Paul Kolnik

Blue Man Group National Tour
Credit foto: ©Paul Kolnik

In questi 30 anni di scena culturale alternativa, il Blue Man Group è stato assistito da collaboratori di alto profilo professionale come Kevin Joseph Roach per le scene, Lydia Tanji e Patricia Murphy per i costumi, e Brian Aldous per il progetto luci, che con le loro capacità hanno agevolato il passaggio dei Blue Men da figure cult a icone internazionali, riconosciute in tutto il mondo come simboli di creatività e comicità intelligente.

Paint drumming, foto Ken Howard

Paint drumming, foto Ken Howard

Il Blue Man Group fa parte della Broadway Collection, un gruppo di cui fanno parte i più importanti musical e show di New York City, selezionati per la loro popolarità presso un pubblico internazionale e associate nel Broadway Inbound, questo significa per lo spettatore una garanzia extra di qualità e l’occasione di cercare tra l’innumerevole offerta diversi spettacoli con i quali passare una travolgente serata.

Chi visita New York non può prescindere da una serata passata ‘in blu’: i biglietti si possono prenotare facilmente tramite il sito www.broadwaycollection.com dove si possono trovare anche ulteriori informazioni.

Il Blue Man Group, foto: Darbe Rotach

Il Blue Man Group, foto: Darbe Rotach

Per chi affronta per la prima volta un viaggio a New York oppure ha già fatto varie volte questa esperienza ma vuole approfondire qualche dettaglio di viaggio, il consiglio è quello di visitare la guida ufficiale www.nycgo.com. Il sito, di facile consultazione e molto esauriente, vi dà la possibilità di avere informazioni turistiche aggiornate e farvi risparmiare tempo e denaro, grazie ad ottimi consigli di viaggio.

 

 

TAGS